Cerca

MonMannequin

Fashion, Style and Lifestyle Blog

Categoria

viaggi

Le nuove IT girls sono tutte BAD girls # 1 : ATLANTA DE CADENET TAYLOR

Sembra essere la nuova tendenza.. ci sono 3 regole fondamentali per diventare una nuova it girl
1_ partecipare ai parties più cool della città (che se fossero NY o L.A. sarebbe preferibile!)
2_ farsi fotografare con la sigaretta in bocca
3_ avere sempre un cocktail in mano  
in una sola parola: trasgressione.
Potete pensare che non sia educativo e deontologicamente corretto, ma resta il fatto che la modella made in L.A., Atlanta De Cadenet Taylor è proprio così che è diventata una delle nuove it girls.. o forse perchè è figlia di John Taylor, bassista dei Duran Duran???..
Decidete voi la risposta, io, nel mentre, vi lascio qualche suo scatto per potervi ispirare.. quanto meno nello stile!..
 
 
 
font: tumblr, google image
 
 

Fughe autunnali #1: Spoleto

L’autunno ormai è arrivato, ma il tempo sembra ancora regalarci delle bellissime giornate di sole. Allora perchè non approfittarne per fare la classica “gita fuori porta”?
Quello che sto per proporvi è l’itinerario che ho seguito proprio lo scorso week-end…in attesa che gli appuntamenti cittadini riprendano definitivamente.
Meta: Spoleto. Il centro storico si gira tranquillamente in una giornata  ma è sorprendente scoprire come ogni piazza nasconda dei veri e proprio gioielli di epoca romana o medievale.

Top 5 to visit:

1- La Rocca, perfettamente conservata, che domina la città dall’alto del colle S. Elia, circondata da un fittissimo e verdeggiante bosco;

2- Il Duomo con la sua piazza che, quasi per magia, appare come una splendida visione alla fine di via Saffi;


3- Il Ponte delle Torri, un camminamento di epoca romana che collega S. Elia a Monteluco..davvero splendido il panorama!;

4- L’anfiteatro romano che fa da sfondo naturale ai numerosi spettacoli che si tengono in occasione del Festival dei Due Mondi;

5- La Chiesa di San Pietro, magnifico esempio di architettura romanica, con la classica facciata a tre rosoni e le lavorazioni in bassorilievi.



Il mio look da “gita fuori porta”

Blusa senape Marella
Gonna a pieghe

Bracciali: Cruciani, Fan di Fendi, C&A

Handbag Dorothy Perkins

Giacca in suede Zara
Eat: in Umbria, si mangia bene un pò ovunque, ma i posti che vi consiglio sono quelli che provato e che mi hanno colpita, non solo per il cibo, ma anche per l’estrema cortesia dei proprietari.

Ristorante 900 (via Porta Fuga, 20): un vero bistrot in terra umbra, è ammirabile la cura e l’attenzione posta nelle scelte di interior design. Ogni tavolo è a sé stante: diverse le sedie, le apparecchiature e i segna-tavolo (non il solito  numero, ma una carta da gioco). Alle pareti stampe, vecchie foto e oggetti di ogni tipo, tutto però in perfetta armonia. La cucina è quella umbra home-made (provate i taglieri, sono davvero sfiziosi), ottima anche la scelta dei vini locali.

 Osteria del Trivio (via del Trivio, 16): quando si entra si ha la sensazione di trovarsi in un ristorante italiano all’estero, tanta è la cura nella scelta degli arredi, dei tessuti e delle foto appese alle pareti, dove ogni cosa è stata messa per  evocare l’idea della “trattoria di una volta”. La cucina, tipicamente umbra, offre primi home-made, funghi di stagione e cacciagione.

Shopping: purtroppo di domenica molti negozi sono chiusi, quindo sono stata in astinenza forzata (pur di comprare qualcosa mi sono “attaccata” ai negozi di specialità alimentari!), in ogni modo, oltre alle solite catene in franchising, ci sono molti negozi multi-brand con marchi noti o più ricercati.

Luisa M.

Sleep

Hotel Cavaliere Palace: in pieno centro, camere ampie e arredate con gusto, colazione a buffet in sale affrescate e prezzi davvero incredibili..che chiedere di più?! 


Fughe estive # 3: Porto Ercole..

E’ il nostro “posto del cuore”, dove rifugiarci quando abbiamo bisogno di staccare la spina, ricaricarci ed immergerci tra i ricordi della nostra infanzia. Perché a Porto Ercole i ritmi sono davvero slow e non si ha l’ansia del “dover fare“. Le giornate scorrono lente e scandite solo da vecchie e collaudate abitudini: colazione alla terrazza del Don Pedro, un giretto al mercato di turno, un salto al forno del porto per la inimitabile e squisita pizza, poi spiaggia, passeggiata tra i negozio di Orbetello, aperitivo, cena e un ultimo giro sul lungo mare di Porto Ercole.
Chi è alla ricerca di aperitivi on the beach e serate in discoteca, rimarrà deluso, ma noi, che sappiamo cogliere lo spirito di questo luogo, torniamo a casa ogni volta con una bella dose di nostalgia e voglia di ritornare l’anno dopo.

Il porto
La laguna

La valigia

Low profile è la parola d’ordine, sia per il giorno che per la sera. Al bando scarpe con tacco 12, clutch e accessori troppo appariscenti.

Al mare

By night


Spiagge

Le Viste 

Il panorama
La spiaggia

La Feniglia 



Eat&drink
Forno di Porto Ercole: per la sua, già citata, squisita pizza, per le pizzette e tutto ciò che ruota intorno al mondo del pane.

Don Pedro: ok, siamo di parte perché al Don Pedro ci siamo cresciute, ma per noi la cucina di Nando è il top a Porto Ercole!




La Pinta: arredamento in puro stile navy, curato nei minimi particolari. Cucina di mare, con qualche rivisitazione. Ottima la selezione degli antipasti.


Da Braccio: ristorante dello storico stabilimento della Feniglia. Menù di pesce, molto ricco e vario nell’offerta…lasciatevi guidare dai profumi che arrivano direttamente dalla cucina!




Il Baretto: un classico intramontabile. Non potete andare via da Porto Ercole senza passare da qui.. anche solo per un drink!




Shopping

Jam (Corso Italia, 37 – Orbetello): rimarrete sorpresi dalla ricercatezza dei numerosi marchi made in England&U.S., da noi ancora poco noti, ma che, siamo sicure, diverranno presto un must.
Qua troverete delle chicche come le TOMS shoes e le deliziose bags di Licia Woods.. brava Martina, continua così!

 

Caldori 1977 (Corso Italia, 23 – Orbetello): storico negozio di abbigliamento e accessori per lei e per lui, ricavato da un ex-magazzino, dove potete trovare capi interessanti ed originali made in Italy or in France.

Safari blu (Porto Ercole): qui troverete il migliore swim&beachwear..per un look da spiaggia davvero impeccabile!



HomerooM (lungo mare A. Doria, 51 – Porto Ercole): Entrare in questo negozio è già di per sé un’esperienza. Tutto è studiato nei minimi dettagli e niente è lasciato al caso: dalla lavatrice a strisce white&blue all’asse da stiro mariniere. All’interno capi casual e accessori one brand.

Tres Jolie (Corso Italia, 139 – Orbetello): negozio in pure stile parigino, dove accanto ad elementi di arredo, troverete bigiotteria francese e splendidi abiti in stile caprese.


 I nostri acquisti:

Fughe estive # 2: Ponza

Per chi vive a Roma è una delle mete più gettonate per passare un week end in cui ci si vuole sentire già in vacanza, perché la magia di Ponza è proprio questa: si entra in un’altra dimensione.

Molti preferiscono viverla in barca, mentre secondo me è bene assaporarla nel pieno, con le piccole vie del centro piene di bar e ristorantini e tante deliziose botteghe.
Di solito affittiamo un appartamentino in pieno centro, su Corso Pisacane, ma se preferite la tranquillità allora vi consiglio una villa a Le Forna, zona più selvaggia lontana dalla movida notturna dell’isola..

Il porto
Il tramonto dal Frontone
Il mare di Palmarola
La valigia:

Si può scegliere tra uno stile navy, sia per il giorno che per la sera (come me) od optare per uno stile casual-chic. In entrambi i casi, saranno gli accessori a fare la differenza: grandi ceste in paglia per il mare, sandali flat o zeppe in corda per la sera (il tacco 12 resta in città!).




Drink&Eat:

A Ponza tutto è un rito, anche fare colazione. La mattina quindi si va tutti da Gildo o, se non si riesce a trovare un tavolo libero, ci si dirige verso l’ ottima Pasticceria Siciliana. Il pranzo è fugace, noi per non sbagliare vi consigliamo la pizzeria Rossosapore. Per l’aperitivo, l’appuntamento è al Frontone, stabilimento-bar on the beach, che quasi da solo vale un intero we a Ponza. Si balla dalle 6 alle 8, poi, se si ha ancora voglia di scatenarsi, c’è il Melograno, il cocktail bar del Grand hotel Santa Domitilla.
A cena la scelta di ristoranti è molto ampia, ma noi siamo abitudinarie anche in questo, così ci dividiamo tra l’arredo marinaro e i piatti sempre sfiziosi dell’Oresteria e la cucina tradizionale ed il folclore di Erasmo alla Lanterna.
Dopo cena si va a bere un drink allo storico Tripoli oppure al più recente Kibar.. e se ancora non si è stanchi, ci sono sempre le feste organizzate al Frontone by-night oppure Il Covo, l’unica discoteca dell’isola.

l’aperitivo al Frontone
Bar Tripoli

Le terrazze del Kibar
La Lanterna

L’Oresteria
                                                   Lo shopping:

AcquAria
AcquAria
Donaflor
Donaflor
Donaflor
Donaflor
Donaflor
Donaflor
Donaflor
I sandali ponzesi

Brandina
                     
Brandina
Brandina
Brandina
Brandina
Imaginarium
Imaginarium
Imaginarium

Fughe estive #1: la nostra Capri

Ormai ci consideriamo delle “habitué” dell’isola, dove ci rechiamo, ogni anno, per una breve -ahimè- fuga d’inizio estate. Ci sembra dunque doveroso condividere con voi gli indirizzi segreti scovati durante le nostre vacanze capresi.
Cosa rappresenta Capri per noi?
Un luogo lontano dal mondo, ma raggiungibile in poco più di due ore di viaggio, dove staccare la spina, divertirsi e, allo stesso tempo, sentirsi a casa.

La valigia by day 
Maglia navy Zara, pantalone caprese Sesto Senso, cintura intrecciata H&M, ballerine Stradivarius

Borsa rafia Oysho
Collana Stradivarius, bracciali motivo marinaro Conbipel
Maglia righe Mango, chino pants H&M, ballerine Passerella, cintura rossa H&M, pochette rossa
Bracciale sesto Senso
Particolare della t-shirt





Collana Brandy

..and by night
Abito H&M, blazer Zara

Cintura con fiocco e borchie oro, bracciali H&M
Sandali zara, pochette Max&Co
Gonna vita alta+white t-shirt tutto Zara

Collana mercatino vintage, bracciali Sodini e Promod

Sandali Zara, pochette H&M

Dove dormire

Hotel Capri: una dimora d’epoca, completamente arredata in stile belle epoque, camere affacciate sul Golfo di Napoli, personale cortese e disponibile e, davvero, a 5 minuti dalla Piazzetta. ( http://www.htlcapri.net/ )



Eating

Gelateria Buonocore: una sosta ideale in ogni momento della giornata. Tra il dolce e il salato c’è solo l’imbarazzo della scelta. Imperdibile il gelato con cialda espressa!


Buonocore
Le cialde calde


D’Amore: ristorante dagli arredi total white, dove il bianco è spezzato solo da alcuni tocchi di giallo e verde acqua. L’idea è quella di essere accolti all’interno di una casa al mare di amici, dove cenare in un ambiente informale, ma sofisticato. Il cibo è davvero ottimo: cucina caprese, ma con rivisitazioni molto azzeccate. Scoperto quest’anno e subito fatto nostro!
http://www.damorecapri.com/ )

D’Amore: interni

D’Amore: dettaglio

D’Amore: interni



Da Verginiello: per una cena cheap senza grosse pretese. Si può scegliere tra pizza e pesce, il rapporto qualità/prezzo è davvero ottimo per essere a Capri. Vista spettacolare sul Golfo di Napoli. ( http://www.ristorantepizzeriaverginiellocapri.it/ )

                
Da Verginiello: insegna

                         

Da Verginiello: il panorama
Shopping vero e “virtuale” at Capri

Passerella: per le sue coloratissime ballerine e per l’offerta di brand sempre così innovativi e glamour.

Aria di Capri: per le sue pashimine e per le mitiche “zabattigli”, calzature tipiche capresi, simile alle espadrillas, ma con la suola in corda. 
Blu Capri: per  le famose campanelle capresi e per la bigiotteria in puro stile marinaro.

Fiore: numerosi punti vendita, sparsi in tutta l’isola, massima cura negli allestimenti (sempre quasi di entrare in un negozio sulla 5th Avenue!) ed un’offerta uomo/donna, accessori e scarpe tutta all’insegna della ricercatezza e dell’eleganza. Brand internazionali, accessori realizzati artigianalmente e sandali hand-made. ( http://www.loscogliodellesirenecapri.com/fiore-capri.html )


Fiore: dettagli

Fiore: dettagli


Marea: quasi nascosto in una stradina che attraversa la più celebre via Fuorlovado, un piccolo gioiello che vi sorprenderà per la bellezza dei suoi accessori e abiti da mare.  
http://www.facebook.com/pages/La-Marea-Capri/199655160138167 )

La Marea: dettagli


La Marea: dettagli


Shopping vero e “virtuale” at Anacapri

Sesto Senso: farete razzie dei suoi coloratissimi abiti, davvero molto trendy ed  ideali anche per la città .

Margherita: profumeria dove è possibile acquistare borse e parei, realizzati da artigiani del luogo, con sfondo i tipici elementi capresi: sandali, pantaloni e le grate delle finestre..c’est chic!

Margherita: estreno

Margherita: dettaglio

Margherita: dettaglio

Margherita: dettaglio
Il sandalo caprese: non si può dire di essere stati a Capri se non si è comprato almeno un paio di sandali capresi. Sull’isola sono numerose le botteghe dove vengono realizzati artigianalmente, ma questo è il nostro posto di fiducia. Ampia scelta di colori e modelli, prezzi nella media..e una shopping bag davvero deliziosa! ( http://www.sandalocaprese.it/ )
Il Sandalo Caprese: dettaglio

Il Sandalo Caprese: dettaglio

Carthusia: celebre brand che realizza profumi e prodotti per il corpo sfruttando le inimitabili fragranze delle piante, dei fiori e dei frutti dell’isola. ( http://www.carthusia.it/ )



I nostri acquisti


Le capri collection

Gucci

Persol

Collistar


Capri by night

Anema e Core: mitica taverna animata da Guido Lembo, dove è praticamente impossibile rimanere fermi e non farsi trascinare dal ritmo contagioso della musica.  
La taverna
L’interno
Celeste: se dopo l’Anema e Core non siete ancora stanchi, questo è il posto dove si danno appuntamento capresi doc e non.  ( http://www.celestecapri.it/pages/homepage.php )
Il celeste – interno
Allora siete pronte per partire?!




Blog su WordPress.com.

Su ↑