Cerca

MonMannequin

Fashion, Style and Lifestyle Blog

Categoria

film

La notte degli Oscar..

Stanotte c’è stata la premiazione degli Academy Awards 2013..
Michelle Obama premia in diretta dalla Casa Bianca il miglior film, “Argo” di Ben Affleck.

Miglior attore protagonista Daniel Day-Lewis in “Lincoln” di Steven Spielberg
Miglior attrice protagonista Jennifer Lawrence per “Il lato positivo”.
Miglior regista Ang Lee per “Vita di Pi”.

Devo dire che gli americani saranno anche bravi nel cinema e negli effetti speciali, ma quando parliamo di classe e di gusto, ne hanno ancora tanta di strada da fare prima di poter arrivare ad avere ai nostri livelli (intesi come europei, perdonate la modestia!) .. Nonostante abbiano sfilato vari Valentino, Dior ed Armani  il risultato è stato ( per quel che mi riguarda) un red carpet assai deludente..

Iniziamo dai promossi..molto molto scarsi..
 
 

Best dressed:

 
Jessica Chastain in Armani Privè – voto: 9

Bridal girls:

Charlize Theron in Dior Couture – voto: 8 1/2
Jennifer Lawrence in Dior Couture – voto: 8 1/2
Lucy Alabar – voto: 8
Amy Adams in Oscar de la Renta – voto: 7 1/2

Romantic girls:

Lara Spencer in Kaufman Franco – voto: 8
Alicia Vikaner in Elie Saab – voto: 8


 Iron girls:
Stacy Keibler in Naeem Khan – voto: 8 1/2
Naomi Watts in Armani Privè – voto: 8

Satin girls:

Giuliana Rancic in  Cennamo Couture – voto: 7
Helen Hunt in H&M – voto: 7 ( quando la classe fa la differenza)

Bocciate:

Anne Hathaway in Prada – voto: 5 1/2 (io ve la boccio, con questo taglio e questo dress sembra avere almeno il doppio dell’età.. poteva fare molto molto di meglio!)
Nancy O’Dell in Mark Zunino – voto: 4  ( siamo agli Oscar, non ha il Circo!)
Gloria Reuben in Oliver Tolentino – voto:  5 (la coda di rose non la slaccia affatto e neanche la frangia!)
Marcia Gay Harden in David Meister – voto: 4 1/2
Mari Menounos in Romona Keveza – voto: 5 ( troppo Barbie girl)
Kristen Stewart in  Reem Acra – voto: 5 1/2 ( non la valorizza, poteva fare meglio anche lei!)
Brandi Glanville in Brand B – voto: 5 ( troppo nuda: anche se può permetterselo, siamo sempre su un redcarpet.. un pò di contegno ci vuole!)
Kristin Chenoweth in Tony Ward – voto: 4 1/2 ( troppo circense)  – Kelly Rowland in Donna Karan Atelier – voto: 5 ( abito bello, ma non adatto al suo fisico)
Quvenzhané Wallis – voto: 3 (vi prego!)
Octavia Spencer in Tadashi Shoji – voto: 4 1/2 ( troppo Barbie fiori di pesco!)
Kelly Osbourne in Tony Ward Couture – voto: 4
Fatima Ptacek – voto: 4 (perchè tutto questo tulle per una bambina?!)
Jennifer Aniston in Valentino – voto: 5 1/2 ( io la adoro, ma questa volta.. almeno dal parrucchiere poteva andarci!)
Jane Fonda in Versace – voto: 5 (il giallo non dona a tutti!)
Helena Bonham Carter in Vivienne Westwood – voto: 3 (halloween è passato da un pezzo!)
Melissa McCarthy in David Meister – voto: 3 (scegliamo un altro colore la prossima volta?..)
Nicole Kidman in L’wren Scott – voto: 4 1/2 (deludente)
Sunrise Coigney – voto: 3
Sofia Alves – voto: 3 ( scarpe rovinate e berretto di lana ?! ..ma per favore!)
Jackie Weaver in Rani Zakhem – voto: 4 ( il Circo regna!)

 
font: google image
 

Hollywood Costume al V&A museum

“Clothes are never a frivolity, they always mean something”,  James Laver (1899–1975).
E’ da questa frase che trae ispirazione la mostra che si tiene in questi giorni, e fino al 27 gennaio prossimo, al V&A museum di Londra. L’obiettivo è quello di puntare l’attenzione sul processo creativo che il costumista mette in atto nel momento in cui rende possibile il passaggio dal soggetto allo schermo di un personaggio cinematografico, dando spazio anche ai cambiamenti sociali e tecnologici che hanno interessato l’operato di questi artisti. La mostra raccoglie 100 modelli dei personaggi e dei film più iconici e indimenticabili del cinema dal 1912 al 2012. 
All’interno del museo, la rassegna è stata struttura in tre fasi: 
1- la decostruzione, ovvero la fase della plasmazione del personaggio;
2- il dialogo, ovvero la fase in cui si esamina il ruolo chiave del costumista all’interno del team creativo del     
    film;
3- il finale, ovvero la fase in cui si celebrano i personaggi più amati del grande schermo.
Un’occasione davvero imperdibile, resa ancor più tale se si pensa che molti di questi abiti non hanno mai oltrepassato le mura degli archivi degli Studios cinematografici!

Colazione da Tiffany

Elizabeth The Goldenage

Il Mago di Oz

Basic Instinct

Titanic

Espiazione

The Iron Lady

Camera con vista

Cleopatra

A qualcuno piace caldo

Via col vento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑