Cerca

MonMannequin

Fashion, Style and Lifestyle Blog

Categoria

cult

Libri&Moda #2: Roger Vivier

Dovremmo pazientare ancora fino al tre aprile, data a partire dalla quale, sarà possibile acquistare nelle quattordici boutique Roger Vivier (e nelle migliori librerie!) l’omonimo volume. Il libro è un tributo allo stile iconografico e opulento, all’ esclusiva e pregiata fattura delle calzature dall’ inconfondibile fibbia quadrata. Il volume celebra il creatore dello stiletto più famoso del mondo, ripercorrendone la storia e le suggestioni che hanno portato alla realizzazione di vere e proprie opere d’arte. In occasione della presentazione del libro, presso la boutique di Rue du Faubourg Saint-Honoré, dove non potevano mancare  il direttore creativo Bruno Frisoni e la musa ispiratrice della griffe Ines de la Fressange, è stata presentata anche l’esclusiva bag in coccodrillo Prismick.

roger-vivier-book-cover-courtesy-of-roger-vivier-by-philippe-jarrigeon-1272122_0x440
jessica-stam---pochette-prismick-et-escarpins-palace-zig-zag-1972109_0x440
julie-gayet-1418251_0x440
clotilde-de-kersauson-et-nine-d-urso-487869_0x440
Catherine-Deneuve-et-Ines-de-la-Fressange
bertrand-burgalat-et-vanessa-seward-583533_0x440
thumb

Green Aperitif al Margutta RistorArte

La domenica sera, invece di crogiolarvi a casa in attesa che inizi una nuova, lunga e stressante settimana, telefonate alle vostre amiche ed incontratevi al Margutta RistorArte per un aperitivo davvero insolito.

E non solo per il cibo (rigorosamente vegetariano) o la gente (finalmente si incontrano facce nuove!), ma anche per gli eventi che accompagneranno i vostri aperitivi.
Questa sera, ad esempio, una designer di lingerie presenterà la sua collezione e, tra una chiacchiera e un brindisi, potrete essere sorteggiate e vincere un completino intimo creato ad hoc per voi!
P.S. Grazie Luarda per avercelo fatto conoscere!

Margutta RistorArte
via Margutta 118,00187 Roma
Tel.  06-32650577

Libri&Moda #1: Timeless Icon by Tod’s

Per le eterne romantiche che sognano ancora il principe azzurro, è finalmente arrivato il libro fatto a posta per voi. Sto parlando chiaramente di “Timeless Icon”, il nuovo volume fotografico promosso da Tod’s per celebrare la straordinaria vita di Lady D.

 

 

 

Il libro, curato da Carlo Mazzoni e lanciato durante la settimana della moda di Milano, in occasione della presentazione, da parte Tod’s, della nuova D.D. bag, evoluzione della già iconica D. bag,

 

 

esalta l’eccezionalità, l’umanità e lo stile unico della “principessa amata dal popolo” e diventata, da subito, una grande icona di riferimento per tutte noi.

 


Lo stile di Lady D.

 

 

 

font: google image, tumblr

 

Hollywood Costume al V&A museum

“Clothes are never a frivolity, they always mean something”,  James Laver (1899–1975).
E’ da questa frase che trae ispirazione la mostra che si tiene in questi giorni, e fino al 27 gennaio prossimo, al V&A museum di Londra. L’obiettivo è quello di puntare l’attenzione sul processo creativo che il costumista mette in atto nel momento in cui rende possibile il passaggio dal soggetto allo schermo di un personaggio cinematografico, dando spazio anche ai cambiamenti sociali e tecnologici che hanno interessato l’operato di questi artisti. La mostra raccoglie 100 modelli dei personaggi e dei film più iconici e indimenticabili del cinema dal 1912 al 2012. 
All’interno del museo, la rassegna è stata struttura in tre fasi: 
1- la decostruzione, ovvero la fase della plasmazione del personaggio;
2- il dialogo, ovvero la fase in cui si esamina il ruolo chiave del costumista all’interno del team creativo del     
    film;
3- il finale, ovvero la fase in cui si celebrano i personaggi più amati del grande schermo.
Un’occasione davvero imperdibile, resa ancor più tale se si pensa che molti di questi abiti non hanno mai oltrepassato le mura degli archivi degli Studios cinematografici!

Colazione da Tiffany

Elizabeth The Goldenage

Il Mago di Oz

Basic Instinct

Titanic

Espiazione

The Iron Lady

Camera con vista

Cleopatra

A qualcuno piace caldo

Via col vento

Blog su WordPress.com.

Su ↑